14,5% vol

ZITO IGP
Primitivo di Manduria

Vino Primitivo di Manduria DOC

Tra i vitigni a bacca rossa più famosi della Puglia, da cui Vineka realizza il Primitivo Zito, sofisticato e intenso, l’elisir di tutto ciò che c’e’ da sapere sul Salento.

Categoria: Tag:
Colore

Rosso intenso, tendente al violaceo con riflessi granati

Gradazione alcolica

14.5% vol

Vitigno

Primitivo DOC Manduria

Zona di produzione

Sava

Vinificazione

Macerazione e fermentazione a temperatura controllata

Temperatura di servizio

18°-20° C

Acidità totale

6 g/l

La linea Zito prende il nome dal fondatore Guglielmo Zito, viticultore originario della Valle D’itria e offre vini curati personalmente dal vitigno al calice.

Note Enologiche

Vini rosso intenso e potente ma di grande eleganza e finezza. Il vino ha un colore rosso profondo che si apre a barbagli violacei. All’olfatto regala sentori di frutti rossi e bacche di bosco, sostenuti da un piacevole sottofondo di spezie.
Raggiunge il palato un gusto ricco, caldo, profondo, arricchito di aromi fruttati, avvolgenti, con un’armonica trama tannica e una gradevole freschezza. Solida persistenza finale. La temperatura di servizio consigliata è di 18°-20° C.

Vitigno e Vinificazione

Il nostro Primitivo DOC Manduria Zito cresce nella zona di Sava ed è coltivato con la tecnica che gli è congeniale, quella a Spalliera. La riscoperta del Primitivo in purezza è relativamente recente, dopo decenni di utilizzo nel taglio di produzioni commercialmente più blasonate.
E’ cresciuta la consapevolezza delle potenzialità di questo vitigno, che grazie alla cura in cantina può dare vino di grande pregio. Le sue caratteristiche fondamentali e aromatiche sono fatte risaltare grazie alle scelte di vinificazione, che procede per macerazione e fermentazione a temperature controllate ed affinamento che si svolge parzialmente in botti di legno.

Abbinamenti Enogastronomici

Questo vino, corposo e strutturato cerca abbinamenti con carni rosse, cucinate arrosto, alla brace o con sughi speziati e con la selvaggina, tutte pietanze in grado di bilanciarne la tannicità e la potenza. Gli abbinamenti ideali sono anche i brasati e gli umidi a lunga cottura. Può accompagnare bene anche le zuppe di legumi saporite e i primi con sughi di carne, formaggi stagionati dal gusto deciso. La sua rotondità lo rende apprezzabile anche come vini da meditazione, con la pasticceria secca, le mandorle tostate e la confettura di ciliegie.